Piazza Principe Umberto

Piazza MaggioPIAZZA PRINCIPE UMBERTO

La Piazza Principe Umberto, la più grande ed importante del paese, un tempo era chiamata Piano del Maggio (Chian Magg). Si pensa che, nei secoli addietro, come in quasi tutti i paesi lucani, si festeggiasse il Maggio, cioè il matrimonio della natura; due alberi, un  cerro, il maschio, e un agrifoglio, la femmina, presi da due luoghi diversi per evitare l’incesto, venivano legati e issati nello slargo del paese: era la festa della fertilità. Una lapide, posta sulla facciata di uno degli immobili prospicienti la piazza, ricorda la visita del 19-8-1955 del Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi. Volgendo lo sguardo verso l’abitato del borgo storico, s’impone la torre dell’orologio, messo a dimora nel 1888 dalla ditta Curci di Napoli. Il lato opposto  della piazza è delimitato dal muraglione di sostegno la cui costruzione fu deliberata dal Consiglio Comunale il 30 novembre 1862. Sempre nel contesto seppur in posizione defilata, ma ben visibile, il monumento in memoria dei caduti delle due guerre mondiali.